Songbook de La Madonna dei mandarini di Antonella Cilento

Songbook de La Madonna dei mandarini di Antonella Cilento

Un libro ambientato a Napoli. Bene, è una città piena di musica. Comincio a sfogliarlo: in apertura c’è una poesia di Ferdinando Russo, poeta e autore di canzoni. Un altro indizio a supporto. Inizio a leggere la storia di Giovanni detto Statine, fiducioso di trovare nel testo la musica che mi sarebbe servita. E quando nel secondo capitolo l’Avvocato Domenico Staibano detto Mimì dà un’occhiata alla collezione di musica lirica della sua libreria, comincio a immaginare la nuova SongBook. Ma poi più niente, il silenzio, solo una canzone di Barry White cantata di sfuggita in TV. Così ho deciso di sbizzarrirmi scegliendo tra l’enorme repertorio a disposizione, ma dandomi un unico vincolo: che gli interpreti fossero artisti non napoletani, un omaggio alla città che in molti hanno provato a comprendere e a cantare. Un’unica doverosa eccezione, il primo grande successo di Ferdinando Russo, autore della poesia che dà titolo a questo libro, pubblicata nel 1887, qui in una versione del napoletanissimo Massimo Ranieri. L’ultima canzone, invece, Monastero a Santa Chiara, è dedicata ad Agata Sollima. (Danilo Di Termini)

 

  

Massimo Ranieri – Scetate – 2011

Paolo Conte – Naufragio a Milano – 1975

Dean Martin – Ohi Marie – 1963

Stefano Bollani – Microchip – 2015

Elvis Presley – O Sole Mio – 1977

Fabrizio De André – Don Raffaè – 1990

Gino Paoli e Danilo Rea – Reginella – 2013

Frank Sinatra – Torna a Surriento – 1951

Paolo Fresu – Aldo Romano – Monastero a Santa Chiara – 1997