Songbook de L’uomo che non riusciva a morire di Tony Laudadio

Songbook de L’uomo che non riusciva a morire di Tony Laudadio

In un libro ci si può imbattere in due tipi di musica: una, esplicita, citata per evocare un ricordo o un avvenimento, ascoltata da uno dei personaggi intenzionalmente o per caso; e un’altra, sotterranea, nascosta, che emerge evocata dalle vicende, dalle atmosfere, dagli ambienti o dalla scrittura stessa. Ed è proprio da queste colonne sonore, normalmente silenziose e nascoste tra le pagine di un libro, che nasce Songbook,

a cura di Danilo Di Termini

L’UOMO CHE NON RIUSCIVA A MORIRE

La Malattia. Come affrontare in musica un tema così scabroso? Laudadio nel suo libro lo fa senza indugi, entra a gambe unite; così ho deciso di seguirlo senza tentennamenti, inutile girarci intorno, il tema è quella, affrontiamolo, proviamolo a sconfiggerlo, a conviverci, anche a costo di interrompere l’ascolto.

Les Rita Mitsouko – Marcia baila – 1984

Un enorme successo in Francia, meno da noi, per un brano qui in una versione acustica e latineggiante, in originale molto più ‘disco’ dedicato a Marcia, ballerina argentina morta a 32 anni a causa della Malattia.

Glenn Gould – Johann Sebastian Bach – Goldberg Variations Bwv 998: Aria – 1741

Perché una seduta il protagonista la passa ad ascoltare Bach e Johann Sebastian fa sempre bene al cuore.

My Chemical Romance – Cancer – 2005

Così ha descritto il brano Gerard Way, il leader del gruppo: “È molto diretto, molto brutale, ma questo è il modo in cui è la malattia”. Appunto.

Sufjan Stevens – Casimir Pulaski Day – 2005

Il Casimir Pulaski Day è una festa nazionale in Illinois che si celebra il primo lunedì di marzo. Per il cantautore di Detroit è il modo per ricordare un amico scomparso a causa della Malattia.

Fred Astaire – Cheek To Cheek – 1935

È un brano tratto da “Top Hat”, “Cappello a cilindro”, scritta da Irving Berlin appositamente per la coppia Ginger Rogers e Fred Astaire. Il protagonista la cita esplicitamente perché “gli corrisponde perfettamente”: “Paradiso, sono in paradiso, e il mio cuore è così forte che non riesco neanche a parlare”.

Regina Spektor – Chemo Limo – 2004

Una madre di quattro figli e la sua reazione alla diagnosi della Malattia e al bisogno di sottoporsi a chemioterapia.

Sufjan Stevens – Death with dignity – 2015

“What is that song you sing for the dead?”

Musica Nuda – La Vie en Rose

A costo di esser retorici, proviamo ad essere ottimisti.