Songbook di I gatti non hanno nome di Rita Indiana

Songbook di I gatti non hanno nome di Rita Indiana

In un libro ci si può imbattere in due tipi di musica: una, esplicita, citata per evocare un ricordo o un avvenimento, ascoltata da uno dei personaggi intenzionalmente o per caso; e un’altra, sotterranea, nascosta, che emerge evocata dalle vicende, dalle atmosfere, dagli ambienti o dalla scrittura stessa. Ed è proprio da queste colonne sonore, normalmente silenziose e nascoste tra le pagine di un libro, che nasce Songbook,
a cura di Danilo Di Termini

I gatti non hanno nome
Sono più di quaranta i brani o gli artisti musicali citati in questo libro, dai Fleetwood Mac a Liszt, dai Doors a Jovanotti; oltre a un buon numero di artisti dominicani o centramericani che a noi dicono poco, se non niente. Aggiungete che l’autrice è la leader di un gruppo di ‘alternative merengue’, un genere che ha contaminato i suoni tradizionali del merengue con quelli del rock alternativo e dell’elettronica. Così la musica è ovunque, nella radio che la protagonista senza nome ascolta nello studio veterinario dello zio di cui è una sorta di segretaria; in un giradischi sistemato in una stanza per far ascoltare un po’ di musica a due haitiani che stano ritinteggiando; in una foto di un cantante melodico appiccicata al muro. È una vera e propria colonna sonora, extra-diegetica (capace però di entrare improvvisamente nella narrazione) ed è a questa modalità che mi sono ispirato per questo SongBook, che va ascoltato come se fosse un programma radiofonico di un’emittente pescata per caso nell’etere.

Jimmy Smith – The Cat – 1964

Devo – (I Can’t Get Me No) Satisfaction– 1978

Rita Indiana & Los Misterios – Dulces Suenos – 2011

Danny Rivera – Dos Amantes (Tantos deseos de Ella) – 2000

Marisela – Tu Dama de Hierro – 1994

Doris Day – Whatever Will Be, Will Be (Que Sera, Sera) – 1956

Danny Rivera – Gracias Mi Amor por Todo io Vivido – 1999

Rita Indiana & Los Misterios – El blue de ping-pong – 2010



0

Your Cart